161

C’è un sottile confine tra il lasciarsi andare e cadere, tra il rinunciare e il continuare, ma non esistono parole o regole che governano questo mondo fatto di equilibri, trazioni, paura del vuoto, di farsi male. Esistono altri mondi che non appartengono alla carne, altri destini che nascono e muoiono in un giorno, altri ancora che resistono al tempo. Ci sono uomini assetati, donne affamate, e ci saranno ancora per molto tempo, fino a quando l’ultima goccia sarà stata bevuta, l’ultimo pezzo di pane inghiottito. E ci saranno ancora lacrime: mai abbastanza. E ci saranno ancora grida a frantumare queste deboli orecchie, che altro non possono fare che ascoltare. Fino a quando quell’ultima debole luce rimarrà accesa, io continuerò a credere che ancora ci sia la possibilità, anche solo per un uomo, di salvare se stesso e il cuore che porta aggrappato a se, nella scintilla di buio che precede l’inizio del giorno, che brilla fino all’ultimo, quando il nuovo giorno avrà dimenticato il male e sarà pronto ad accettare un’altra giornata macchiata di sangue, di inganni e violenza. Allora forse il mondo si fermerà per un momento, per riprendere il suo cammino inverso, perverso, concluso. Allora spero di non esserci, spero di non sentire l’odore della morte, di non essere più carne.

6 commenti:

  achab

5 maggio 2009 10:19

molto bella x riflettere,ciao.

  Sammy

6 maggio 2009 00:20

domani non sarà soltanto un altro giorno. si va...

  Anonimo

13 maggio 2009 11:24

io ti lovvo Ksenja!

C.

  Paola

24 maggio 2009 13:22

Una poesia molto profonda quasi incute timore...
Scusa l'intrusione passavo di qui e mi son fermata per lasciarti un saluto visto che sei di genova...
spero non ti dispiaccia
Buona notte e se ti aggrada farmi visita sei il benvenuto... ciao ciao

  giardigno65

22 giugno 2009 06:22

WOW!

  Simonetta

2 febbraio 2012 02:48

Accidenti molto carino ed espressivo qui! un abbraccio